L' APPARECCHIO DEL FUTURO SARA' UN AIRPOD?

4MAG

All'inizio fu l’Ipod, felicissimo parto della fantasia di quel  Da Vinci contemporaneo che fu Steve Jobs. All'improvviso indossare delle iconiche cuffiette (bianche) divenne figo … tutte le cuffiette dell’epoca (era il 2001... sigh!) erano nere. Poi arrivò la rivoluzione dell’era contemporanea: l  iPhone...e nulla fu più come prima. Era il 2007 e ancora avere delle cuffiette bianche (sempre bianche!) fece di nuovo e ancor di più figo…La faccio breve, sparisce il filo ed ecco le AirPod (ebbene sì ancora bianche!) Le AirPod Pro, modello attuale, hanno un sofisticato sistema di abbattimento del rumore, tra l’altro dannatamente efficace: in pratica potete scegliere se isolarvi (quasi) completamente dall'ambiente che vi circonda o invece non filtrare i rumori ambientali.  Poi c’è il discorso degli assistenti vocali, Siri ed Alexa, sempre più utilizzati. In pratica, è probabile che in futuro queste tecnologie ci porteranno tutti ad indossare costantemente questi auricolari, come oggi viviamo col telefono in mano. 

Vediamo qual’è il livello tecnologico del nostro settore.

L’Oticon Opn s e il Maico Coral implementano un chip (il Velox) che analizza la scena sonora a 360° e abbatte il rumore facilitando la comprensione del parlato. Sono i primi apparecchi connessi ad Internet, grazie alla tecnologia IFTTT è possibile collegarli ad impianti domotici (ad esempio creo una ruotine per la quale quando entro in casa si accendono le luci della sala)

L’americana Starkey presenterà a fine mese un nuovo prodotto che rivoluzionerà il settore degli apparecchi acustici come l’Iphone per i cellulari.

Il Livio Edge AI Custom 

Qualche caratteristica? Traduttore istantaneo e Alexa come assistente vocale

E le analogie non si fermano qui … entrambe le tecnologie monitorano lo stato di salute, ti spingono ad una vita meno sedentaria, ecc. 

Insomma i due mondi oggi convergono.

E’ facile prevedere un futuro molto vicino, dove praticamente tutti porteremo qualcosa nel o sull'orecchio, anche chi sente normalmente vorrà qualcosa di più dal suo udito: sentire ancora meglio, cancellare il rumore di sottofondo, proteggersi dai rumori della città, ecc.

I retaggi culturali, che hanno impedito la corretta diffusione degli apparecchi acustici, andranno sempre più a sparire dal momento che sarà sempre più “normale” avere qualcosa nell'orecchio.

Gli apparecchi nel prossimo futuro probabilmente saranno super personalizzabili e perché no, anche griffati... così come oggi è possibile scegliere una montatura di occhiali firmata .

A.C